Tuesday, November 19, 2013

Roman Catholic Church has 60,350 Tons of Gold - Not Bad = $2.5 Trillion

The Roman Catholic Church has the largest reserves of gold in the world ...
(translated from the Italian version which is shown below)

November 24, 2012


The largest single holder and blocks (ingots / bullion ) than any other organization in the course of the past 1000 years is, and has always been, the Roman Cult controlling the Catholic Church.

The Roman Catholic Church controls approximately 60,350 tons of gold, twice the size of the total official gold reserves worldwide , or approximately 30.2% of all gold ever mined / product. At current prices , it is possible to estimate the value of those assets that constitute the greatest treasure of the history of mankind in more than 1.245 billion U.S. dollars.
 

In our day, the Roman Catholic Church has returned to numbers which led again to a dominant position in the field of gold which had not been witnessed since the fall of the Holy Roman Empire ( 1100) , by which time it controlled slightly less than 30 % of the gold present in the whole world.
 

For most of the past 1,000 years , the Catholic Church has assumed a dominant position which allowed them to control the gold markets in the world, due to the fact that they owned more than 50% of all the gold , and in a position so dominant , from the fourteenth century until we reach the seventeenth century, to control over 60% of all gold ever mined .Such a treasure in its entirety has been split between several reported reserves and just as many unreported reserves . Only 20% of the total gold reserves is stored by ' third parties ' in official reserves , the largest declared reserve is represented by the Federal Reserve Bank, followed by the reserves in Italy , Switzerland, Germany and France. The most important private reserves have not been reported and are unknown, but appear to be located even in countries of the West and apparently would be associated with the most important private reserves of the oldest private banks and financial companies in Europe. There may also exist private reserves managed directly by the Vatican , although the latter remains a hypothesis unlikely .
 

It is a spontaneous thought : with all the gold that the Vatican has you would be able to clear the Italy's deficit , and with the leftovers you could feed the entire nation's needs.......what do I need these accumulate huge amounts of gold? ... . the word of God in Luke 9: 25 it is written : What does it profit a man to gain the whole world if he loses or forfeits himself?

Source: Claudio Rendina - book the gold in the Vatican

--------------------------------------

La Chiesa Cattolica Romana ha la riserva di oro più grande al mondo…
24 novembre 2012

Il maggiore e singolo detentore di lingotti (ingot/bullion) rispetto a qualsiasi altra organizzazione nel corso dei trascorsi 1.000 anni è, ed è sempre stato, il Culto Romano che controlla la Chiesa Cattolica.

Il maggiore e singolo detentore di lingotti (ingot/bullion) rispetto a qualsiasi altra organizzazione nel corso dei trascorsi 1.000 anni è, ed è sempre stato, il Culto Romano che controlla la Chiesa Cattolica.

La Chiesa Cattolica Romana controlla approssimativamente 60.350 tonnellate d’oro, due volte la dimensione delle riserve ufficiali totali di oro di tutto il mondo, o approssimativamente il 30,2% di tutto l’oro mai estratto/prodotto. A prezzi correnti, è possibile stimare il valore di tali beni che costituiscono il più grande tesoro della storia dell’umanità in oltre 1.245 miliardi di dollari statunitensi ($).

Ai nostri giorni, la Chiesa Cattolica Romana è tornata a numeri che l’hanno condotta nuovamente ad una posizione dominante nel settore dell’oro di cui non si era testimoni dalla caduta del Sacro Romano Impero (intorno al 1100), fase in cui Essa controllava poco meno del 30% dell’oro complessivamente presente nel mondo.

Per la maggior parte dei trascorsi 1.000 anni, la Chiesa Cattolica ha assunto una posizione dominante che gli ha permesso di controllare i mercati dell’oro a livello mondiale, in relazione al fatto di aver posseduto oltre il 50% di tutto l’oro, ed in una posizione talmente dominante, a partire dal XIV secolo fino a giungere al XVII secolo, da controllare oltre il 60% di tutto l’oro mai estratto.

Tale tesoro nella sua totalità è stato suddiviso tra numerose riserve dichiarate ed altrettanto numerose riserve non dichiarate. Soltanto il 20% delle riserve d’oro totali è immagazzinato tramite ‘partiti terzi’ in riserve ufficiali, la maggiore riserva dichiarata è rappresentata dalla Federal Reserve Bank, seguita dalle riserve presenti in Italia, Svizzera, Germania e Francia. Le più importanti riserve private non dichiarate sono sconosciute, ma paiono essere collocate anche in paesi dell’Occidente e a quanto pare risulterebbero associabili alle più importanti riserve private delle più antiche banche private e società finanziarie d’Europa. Potrebbero inoltre esistere riserve private gestite direttamente dal Vaticano, seppure quest’ultima resti un’ipotesi poco probabile.

Mi nasce spontaneo un pensiero: con tutto l’oro che il Vaticano quindi l’Italia possiede, si riuscirebbe ad azzerare il deficit pubblico, e con gli avanzi si potrebbe sfamare intere nazoni bisognose, a cosa serve accumulare queste enormi quantità di oro?….nella parola di Dio in Luca 9 : 25 sta scritto: Che giova all’uomo guadagnare il mondo intero, se poi si perde o rovina se stesso?

Fonte : Claudio Rendina – libro l’oro del vaticano

Source: http://www.ilsicomoro.com/2012/11/24/la-chiesa-cattolica-romana-ha-la-riserva-di-oro-piu-grande-al-mondo/

No comments: